Translate

Latti vegetali biologici

Hanno poco amido, grassi e zuccheri. Possono essere di soia, di avena, di riso e di farro. La loro caratteristica è quella di non trattenere il lattosio (zucchero nel sangue), quindi sono di facile digeribilità e risultano ricchi di Omega 3. Oltre a non avere il lattosio, i latti vegetali biologici non contengono la caseina (sostanza che provoca intolleranze e allergie al latte vaccino), non hanno il colesterolo, nè nutrienti di origine animale. Anche se il loro apporto di calcio è inferiore a quello del latte di mucca, in cambio molti di essi, sono ricchi di fosforo, potassio, folati (vitamine del gruppo B), magnesio, vitamine e minerali. Alcuni hanno anche molte proteine e la maggior parte sono un eccellente fonte di acidi grassi Omega 3 e Omega 6. Ci sono molte varietà di latti vegetali biologici, bisogna saper scegliere, leggendo bene le etichette prima dell'acquisto. Questo perchè molte aziende che li producono utilizzano, in maniera eccessiva, additivi e conservanti per farli durare di più, molti zuccheri e aromi per migliorarne il sapore, vari tipi di addensanti per migliorare la consistenza e altri additivi per aumentare la bianchezza del prodotto, come ad esempio l'amido di riso (una sostanza naturale che fa alzare la glicemia).

Tonico alla Malva per occhi stanchi fai da te

Ingredienti:
  • 1 litro di acqua
  • 50 grammi di malva
Preparazione: scaldare l'acqua, quando è bollente aggiungere le foglie di malva. Lasciare macerare per 10-15 minuti. Filtrare e utilizzare questo tonico (quando è completamente freddo) per detergere e lenire gli occhi stanchi. 

Gennaio - Febbraio - Marzo

GENNAIO - rappresenta la conduzione al nuovo anno e il freddo tagliente, la neve e il gelo pungente purificano la terra e la preparano ad accogliere le prime semine. Nei giardini e negli orti si guarda avanti, si spartiscono gli spazi, si butta il cuore oltre.....l'inverno! Bisogna pensare alla raccolta degli ultimi frutti, i corbezzoli (piante che vengono considerate per l'uso alimentare e decorativo) e i cachi dal bel colore arancio.                      


FEBBRAIO - il freddo attorciglia la terra e le giornate continuano ad allungarsi. Con l'arrivo di Febbraio le semine si incrementano nell'orto e nel giardino, mentre il frutteto ha bisogno di essere potato. Con nuova forza riprendono i lavori all'aperto, si benedicono gli animali affidati alla protezione di Sant'Antonio. Segnalata da timide violette la fine dell'inverno che porta con sè anche San Valentino, pronto a scaldare i cuori e gli amori in attesa del ritorno della primavera. 









MARZO - si ricomincia, è Primavera! Il ronzio degli insetti, i colori e i profumi comunicano che il sole è tornato a scaldare la terra. Anche la pioggia, che scende leggera, è ora la benvenuta, pronta a far germogliare i semi nell'orto, a regalare fiori e i tanto aspettati frutti. Tra le nuvole che si muovono veloci, un nuovo ciclo si apre, impegnato tra semine, trapianti di bulbi, innesti e piante aromatiche. Ad aspettare sul balcone ci sono i travasi delle piante "di casa", ricevute dallo sguardo bonario di una luminosa luna di marzo.  

Gelatina di fragole

Ingredienti:
  • 1 Kg di fragole mature
  • 100 ml di acqua
  • zucchero (quanto basta)
Preparazione: pulire, lavare e fare a pezzettini le fragole. Mettetele a cuocere in una casseruola fino a quando non appariranno quasi sciolte. Sistemare le fragole in un colino di tela di lino per far colare il succo (ci vorranno quasi 12 ore). Pesare il succo, calcolare una quantità di zucchero pari al succo delle fragole. Scioglietelo dentro un tegame a fuoco moderato, con i 100 ml di acqua. Quando lo zucchero sarà ben sciolto inserire il succo di fragole e cuocere fino ad ottenere la gelatina. Ancora calda è possibile versarla in barattoli a chiusura ermetica. Si può utilizzare nei dessert o insieme ai formaggi.