Translate

Strofinacci e Presine

Per errore pensiamo sempre che strofinacci e  presine con la quale si toccano le pentole che si ripongono poi sul piano cottura in cucina, siano privi dalla presenza di microrganismi in quanto servono solo per asciugarsi le mani o spostare utensili già lavati. Affatto.....qui i batteri si riproducono in abbondanza grazie all'umidità che, insieme al calore dell'ambiente culinario, fa si che divulgano batteri nocivi. Il consiglio è quello di cambiare spesso i strofinacci usati e di lavarli per bene. La minaccia è formata dai batteri coliformi, riscontrabili nell'89% dei strofinacci della cucina. L'alta concentrazione è dovuta anche dal contatto del cotone con alimenti contaminati, come i batteri contenuti nella carne. 



Come pulire? 
Il tea tree oil è considerato ottimo per disinfettare e aggiungere un eccellente profumo all'ambiente. E' sufficiente versarne poche gocce sullo strofinaccio prima del contatto con gli utensili e  mani o, in alternativa, versarlo in acqua calda in cui immergere strofinacci e presine. 




Igiene in cucina

La cucina è uno dei tanti luoghi dove non si presta la dovuta attenzione nel corso delle pulizie quotidiane. Qui i batteri ne approfittano per riprodursi in tutta tranquillità. E' possibile intervenire in modo naturale, ecco un'esempio:

  • Lo scarico del lavandino - ogni giorno vi passano gli avanzi del cibo che rimangono sui piatti. I prodotti di pulizia chimici hanno un effetto temporaneo, agiscono sullo sporco e i batteri, ma non arrivano in profondità. Dallo sporco nascono anche fenomeni di muffa che, dopo un pò di tempo, possono ampliarsi nella parte esteriore del lavandino, infettando tutto ciò che ne viene a contatto. 
Come pulire? Procuratevi del bicarbonato di sodio (1 cucchiaio), del sale (1 cucchiaio), dell'aceto di vino bianco (2 cucchiai) e dell'acqua bollente (2 litri). Miscelare gli ingredienti e facciate riposare il composto, per almeno 10 minuti, dopo di che lasciare scorrere lungo lo scarico e il sifone, in maniera tale da distruggere sia i batteri che lo sporco residuo, produttore dei cattivi odori.